Può piacere o non piacere ma di certo non lascia indifferenti.

Alexandria Ocasio-Cortéz è la democratica newyorkese che, a soli ventotto anni, sta stravolgendo il panorama politico statunitense con un programma nientepopòdimenoche socialista.

Un fatto su tutti: alle primarie dello scorso Giugno 2018 ha sconfitto il democratico Joe Crowley, in carica al quattordicesimo distretto di New York da ben diciannove anni. Se non è una vittoria storica questa…

Laurea in economia e politica tra le persone.

A suo dire, non avrebbe avuto la strada spianata da genitori influenti e denaro a go go. Per cui ha cominciato a far politica bussando – letteralmente – alle porte di bianchi, neri, asiatici, ispanici, socialmente inclusi ed esclusi. Si è fatta vedere, ha stabilito contatti vis-à-vis.

P_20180922_181025_vHDR_On

Il successo ottenuto finora non è tuttavia casuale, in quanto la politica in questione “è capace di tener testa ai più raffinati analisti politici. È laureata in economia alla Boston university e ama spulciare i bilanci” e “ha cominciato a interessarsi alle questioni economiche e sociali prima ancora di lavorare da tirocinante per il senatore Ted Kennedy”.

Un bell’articolo di Internazionale delinea il percorso della Ocasio sino a questi giorni di campagna elettorale, in vista delle elezioni di metà mandato previste per il 6 Novembre.

Il suo programma (ricordiamolo, non solo apertamente di sinistra, addirittura socialista) appare radicale, tanto da impaurire persino i compagni di partito.

Come mai? Perché si basa su:

Salute – copertura per tutti

Diritto allo studio – idem con patatine

Clima – per scongiurare nuovi cataclismi

Alexandria Ocasio-Cortez online & sui social.

Sito internet: Ocasio2018
Twitter
Instagram
Facebook

Le mie fonti.