How a couple makes a decision
ITA + ENG Esistono coppie per le quali gli obiettivi sono condivisi e le decisioni si prendono di comune accordo? | Are there any couples out there who make shared decisions?

ITA

Come decidono le coppie?

Come vengono prese le decisioni in una coppia? Esistono coppie per le quali gli obiettivi sono condivisi e le decisioni si prendono di comune accordo?

No, riformulo la domanda.

Esistono dei modi affinché la coppia abbia obiettivi condivisi e prenda le decisioni di comune accordo? Così suona molto meglio.

Che la coppia sia eterosessuale oppure omosessuale, mi pare di capire che uno dei due si adatta allo status quo mentre l’altro vuole introdurre cambiamenti frequenti.

Uno vuole cambiare, per l’altro va già bene così.

Personalmente non credo ai dualismi. Mi piace pensare che siamo tutti liberi da etichette, vincoli di pensiero e comportamento. Quindi no a maschi contro femmine, a tutti gli uomini sono così e tutte le donne sono cosà.

Eppure, qualche dubbio in merito mi viene. D’altra parte basta che io mi guardi dentro, intorno, e scambi qualche impressione/confessione con chi mi sta più vicina.

Come prima cosa vedo che: l’80% delle decisioni non sono prese di comune accordo. Numero a caso, eh, ma sono convinta di non essermi sbagliata poi così tanto.

Non belligeranza a breve termine.

Dato leggermente positivo, invece, è che il partner propenso ai cambiamenti non ha intenzioni belliche. Infatti, adottando un atteggiamento delicato – o forse rassegnato? – cerca, intanto, di accennare all’argomento-cambiamento. Evita di sviscerarlo in un’unica soluzione. Ed evita, così, di massacrare le meningi dell’altro insistendo affinché:

… si cambi immediatamente la lampadina

… il bambino si partorisca ora

… si vada a convivere tra pochi minuti

… tu ti dia una mossa

Gli gnorri

Il rovescio della medaglia è che l’altro, però, può far finta di non capire. E quindi può sguazzare per un bel po’ nell’indecisione per continuare a farsi i fatti propri.

Io, per esempio, non sono mai stata una chiacchierona. Miglioro poco e faticosamente con il passare degli anni. Per cui sono sempre combattuta tra adottare un profilo basso – vedasi sopra – ed eruttare senza mezzi termini la questione che mi sta a cuore.

In uno o nell’altro caso, se non vedo cambiamenti più o meno immediati mi spazientisco e non so veramente quale sia la strada migliore per andarci in fondo. Una strada che non includa ripicche e silenzi assordanti.

Ritorno al punto di partenza.

In sostanza, e con ciò mi ripeto: come avviene la comunicazione tra persone adulte, quando si tratta di guardare a territori inesplorati e muoversi in sintonia verso nuove decisioni?

——-

ENG

How do couples make decisions?

How are decisions made in a couple? Are there any couples whose objectives are shared and decisions mutually agreed?

OK, I’ll rephrase the question.

Is there a way a couple can share objectives and agree on a decision to make? Well, that sounds much better.

Be the couple straight or gay, there is always a partner who tends to introduce small, frequent change, and another who is totally fine with the way things are.

Change or stay the way we are?

Personally, I don’t believe in dualisms. I like to think each of us is virtually free from any labels, thought or behavior patterns. So, no men vs women or all men are like this, all women like that.

And yet, I am starting to doubt myself. All I have to do is look at my own life or chat with my closest friends.

For starters, I see that 80% of decisions are not mutually agreed. Random figure, maybe. However, I’m pretty sure I’m not that wrong.

Short-term non-belligerency

A slightly positive fact is that, the one in favor of change does not have any initial bellicose intentions. They opt for a more sober – or resigned, if you will – approach and start simply hinting at the change topic. They avoid turning the conversation into a fight two minutes in, with a series of:

Change the light bulb right away
Let’s get a baby born like, tomorrow
Let’s move in together overnight
Get your act together!

Playing dumb

The other side of the coin would have the Other take advantage of this situation by pretending not to see what’s going on. They could go on minding their own business.

Let’s take me: I have never been keen on talking so I have tried hard to get better at it. Ergo, I am always wondering: keep a low profile or spew it all out? Either way, I get impatient very quickly if I don’t see any real, quick change. Which leaves me pondering on the best course of action…

Coming full circle

At the end, I’m still here with the same question: how does communication happen among adults when they have to move together towards new territories and decisions?