La mia libertà all'interno della coppia
ITA+ENG - Io, perennemente in difesa della mia libertà personale, dei miei spazi e delle mie scelte. La relazione stabile l'ho scelta e continuo a sceglierla perché mi piace. Eppure ho serie difficoltà a far convivere me stessa ogni giorno con la relazione, con l'Altro.

ITA – Qual è la ricetta per stare bene con se stessi quando si è in coppia?

Per me è un enigma. Anzi, l’enigma sono io, perennemente in difesa della mia libertà personale, dei miei spazi e delle mie scelte, anche quelle più piccole.

Voglio dire, migliaia di donne navigano con tranquillità delle relazioni lunghe anni – se non decenni – e alla fine si fidanzano, si sposano senza problemi. Anzi, sarebbero assalite dall’ansia se ciò non si avverasse, se non avessero un anello al dito e dei figli da accudire.

Poi ci siamo io e le donne come me, a cui l’ansia prende ma al pensiero di compiere quanto elencato sopra.

Da una parte la relazione stabile l’ho scelta e continuo a sceglierla perché mi piace. Eppure ho serie difficoltà a far convivere me stessa ogni giorno con la relazione, con l’Altro. Una me stessa che si espande e vuole accomodarsi, dettare la propria su ogni fronte, occupare ogni spazio fisico. Una me stessa che non vede perché ci si debba giustificare di una volontà, di un rifiuto a fare qualcosa, della voglia di farne un’altra. Quella me stessa è talmente forte, talmente sicura di sé che non vede d’altra parte dove sia il problema.

Il problema c’è, eccome.

Puntualmente, infatti, scoppia il patatrac quando si accumulano quegli avvenimenti e fatti del quotidiano, piccoli e grandi, più o meno di routine, in cui relazionarmi con l’Altro equivale, nella mia mente, a perdere un pezzettino di me. In cui sento di sacrificare una parte della mia volontà.

Un tantino melodrammatica, forse?

Beh, non a caso mi piace dire – pare che l’autoironia sia una gran dote – che sono come Vodafone: è tutto intorno a me.

Com’è la vostra situazione? Vivete mai un conflitto di questo tipo? E in che modo ne venite fuori?

—–
ENG – What’s the secret to feeling good with yourself when you’re in a relationship?
It is a riddle for me. Better still, I am the riddle, perennially defending my personal freedom, my spaces, my choices, even the smallest ones.

I mean, there are thousands of women out there who navigate smoothly through decade-long relationships and end up getting engaged & married. They would panic if this didn’t happen, if they didn’t have a ring and children to raise.

And then there is me and women like me, who panic at the very thought of going through all of the above.

Of course I have chosen – and still do – a stable relationship because I like it. However, it is a struggle to have My Self get along with the relationship, with the Other daily. My Self expands and wants to boss around, occupy every physical space. My Self doesn’t see why it should justify not wanting to do something or opting for something else. That Self of Mine is so strong, so self confident that it doesn’t just understand why all of this should be a big deal.

But, it is a big deal! Particularly after a long sequence of events – most of them just routine and hardly significant – where interacting with the Other equals losing a little bit of My Self, at least in my mind. It feels like sacrificing a part of my will.

I sound a tad melodramatic, I know. It’s no wonder I like to define myself as Vodafone: (it’s) all around me.

What about YOU? Do you ever feel this struggle, this strong, or is it just a non-problem for you?